El regalo de los moribundos (la angustia de dejar de consumir carbono)

el

by j re crivello

Una epidemia por ejemplo la de la Peste Negra que redujo a la mitad de la población de Gran Bretaña en el periodo 1348/1377 o la del SIDA en Suráfrica, aumenta la riqueza o hace más rica a las generaciones futuras. Esta afirmación Alwyn Young nos muestra una cara de la amarga cesión de los moribundos en su desaparición. Conectados con este aspecto aparecen otras dos:

  1. Muchos ante la posibilidad de la transmisión del SIDA no mantienen relaciones sexuales sin protección
  2. Las mujeres ante la escasez de mano de obra eligen trabajar y no tener niños.

Nos guste o no, las políticas demográficas alteran e influyen la riqueza de una sociedad. Pero las políticas públicas o los movimientos también. Nos detendremos al considerar el fascismo italiano. Anoche al ver un reportaje sobre los años 20, aparecía el prototipo de Mussolini rodeado de camisas negras. Todos eran hombres que le colgaban hasta diez medallas, en el centro el Duce vestido de traje y con mirada osca. Esta imagen surgida de la propaganda de la época no deja de ser opuesta a los Ayatolás de Irán o al Putin deportista. Pero veamos la política del fascismo de la época resumida:

“La calle jugaba un papel central en la identidad abierta del fascismo (Atkinson, 1998), y la exclusión de las mujeres de esa esfera destaca la necesidad implícita de aquel de controlar y enclaustrar a las mujeres, de restringirlas a un rol definido dentro de su proyecto. Como ha sido visto, la retórica de la ruralidad no estaba dirigida exclusivamente a los hombres. Mussolini creía que la vida rural causaría que las mujeres permanecieran atadas al hogar y la familia. La vida en las ciudades industriales aflojaría esas ataduras”. (1)

De nuevo nos encontramos ante una política demográfica que secuestra a la mujer de su libertad. Sea por epidemias o por un gobierno decidido a implementar una demografía para convertir a la Italia de la época en una potencia, suponiendo que la demografía italiana rural era la necesaria y las ciudades un espacio negativo.

En ambas situaciones las relaciones sexuales aparecen sujetas a la epidemia o la política. En ambas los resultados muestran una ambivalencia de los hombres. Ahora ¿Dónde nos encontramos? Tal vez en diferentes políticas demográficas que chocan entre sí:

-África se desangra hacia Europa. Centroamérica hacia México y EEUU

-Las sociedades avanzadas, la europea y la japonesa evolucionan hacia un pacto entre mujeres y hombres de planificación familiar basada en la libertad cívica de la mujer.

-Asia es una incógnita. Hasta que China no sea una democracia no sabremos hacia dónde va el continente.

-Australia puede convertirse en un páramo por la presión de destrucción ecológica y Groenlandia que representa el 30% de aquella convertirse en una opción para vivir en el futuro.

El regalo de los moribundos nos marca los espacios donde la desaparición de la población civil (migraciones, epidemias, zonas inundadas, deshielo de un espacio, etc) marcará el futuro de otros.

Las próximas generaciones aparte de tener que elegir entre autoritarismo y democracia, deberán valorar sus políticas demográficas como una verdadera revolución sexual hacia un planeta en angustia por dejar de consumir carbono.

Notas

(1) Volume 120 Issue 2  May 2005

The Gift of the Dying: The Tragedy of AIDS and the Welfare of Future African Generations* Alwyn Young

The Quarterly Journal of Economics, Volume 120, Issue 2, May 2005, Pages 423–466, https://doi.org/10.1093/qje/120.2.424

Published: 01 May 2005

Abstract

This paper simulates the impact of the AIDS epidemic on future living standards in South Africa. I emphasize two competing effects. On the one hand, the epidemic is likely to have a detrimental impact on the human capital accumulation of orphaned children. On the other hand, widespread community infection lowers fertility, both directly, through a reduction in the willingness to engage in unprotected sexual activity, and indirectly, by increasing the scarcity of labor and the value of a woman’s time. I find that even with the most pessimistic assumptions concerning reductions in educational attainment, the fertility effect dominates. The AIDS epidemic, on net, enhances the future per capita consumption possibilities of the South African economy.

Notas 2:

Fragmento de Discurso / Fuente: Apuntes de Demografía Blog

El discurso de la Ascensión

Un documento muy interesante para identificar los principales temas de política demográfica en la retórica de Mussolini es el Discorso dell’ Ascensione, en la Cámara de los Diputados el 26 de mayo de 1927. Transcribo aquí la parte dedicada a la demografía, prácticamente una cuarta parte del discurso completo:

Di qui la tassa sui celibi, alla quale forse in un lontano domani potrebbe fare seguito la tassa sui matrimoni infecondi. Questa tassa dà dai 40 ai 50 milioni; ma voi credete realmente che io abbia voluto questa tassa soltanto a questo scopo? Ho approfittato di questa tassa per dare una frustata demografica alla Nazione. Questo vi può sorprendere; qualcuno di voi può dire: «Ma come, ce n’era bisogno?» Ce n’è bisogno. Qualche inintelligente dice: «Siamo in troppi». Gli intelligenti rispondono: «Siamo in pochi». Affermo che, dato non fondamentale ma pregiudiziale della potenza politica, e quindi economica e morale delle Nazioni, è la loro potenza demografica. Parliamoci chiaro: che cosa sono 40 milioni d’Italiani di fronte a 90 milioni di Tedeschi e a 200 milioni di Slavi? Volgiamoci a Occidente: che cosa sono 40 milioni di Italiani di fronte a 40 milioni di Francesi, più i 90 milioni di abitanti delle Colonie, o di fronte ai 46 milioni di Inglesi, più i 450 milioni che stanno nelle Colonie?

Signori, l’Italia, per contare qualche cosa, deve affacciarsi sulla soglia della seconda metà di questo secolo con una popolazione non inferiore ai 60 milioni di abitanti. Voi direte: Come vivranno nel territorio? Lo stesso ragionamento, molto probabilmente, si faceva nel 1815, quando in Italia vivevano soltanto 16 milioni di Italiani. Forse anche allora si credeva impossibile che nello stesso territorio avessero potuto trovare, con un livello di vita infinitamente superiore, alloggio e nutrimento i 40 milioni di Italiani di oggidì. Da cinque anni noi andiamo dicendo che la popolazione italiana straripa. Non è vero! Il fiume non straripa più, sta rientrando abbastanza rapidamente nel suo alveo.

Tutte le Nazioni e tutti gli imperi hanno sentito il morso della loro decadenza, quando hanno visto diminuire il numero delle loro nascite. Che cosa è la pace romana di Augusto? La pace romana di Augusto è una facciata brillante, dietro la quale già fermentavano i segni della decadenza. Ed in tutto l’ultimo secolo della seconda Repubblica, da Giulio Cesare, che mandò i suoi legionari muniti di tre figli nelle terre fertili del Mezzogiorno, alle leggi di Augusto, agli ordines maritandi, l’angoscia è evidente. Fino a Traiano tutta la storia di Roma, nell’ultimo secolo della Repubblica e dal primo al terzo secolo dell’Impero è dominata da questa angoscia: l’Impero non si teneva più, perché doveva farsi difendere dai mercenari.

Problema: queste leggi sono efficaci? Queste leggi sono efficaci, se sono tempestive. Le leggi sono come le medicine: date ad un organismo che è ancora capace di qualche reazione, giovano; date ad un organismo vicino alla decomposizione, ne affrettano, per le loro congestioni fatali, la fine. Non si può discutere se le leggi di Augusto abbiano avuto efficacia. Tacito diceva di no; Bertillon, dopo 20 secoli, diceva di sì, in un suo libro molto interessante, dedicato allo spopolamento della Francia. Comunque, sta di fatto che il destino delle Nazioni è legato alla loro potenza demografica. Quand’è che la Francia domina il mondo? Quando poche famiglie di baroni normanni erano così numerose che bastavano a comporre un esercito. Quando, durante il periodo brillante della Monarchia, la Francia aveva questa orgogliosa divisa: «Égale à plusieurs» e quando, accanto ai 25 o 30 milioni di Francesi, non c’erano che pochi milioni di Tedeschi, pochi milioni di Italiani, pochi milioni di Spagnoli. Se vogliamo intendere qualche cosa di quello che è successo negli ultimi 50 anni di storia europea, dobbiamo pensare che la Francia, dal ’70 ad oggi è aumentata di 2 milioni di abitanti, la Germania di 24, l’Italia di 16.

Andiamo ancora nel profondo di questo problema che mi interessa. Qualcuno ritiene, – altro luogo comune che oggi si demolisce, – che la Francia sia la Nazione a più basso livello demografico che vi sia in Europa. Non è vero. La Francia si è stabilizzata sul 18 per mille di natalità da circa 15 anni. Non solo, ma in certi dipartimenti francesi vi è un risveglio della natalità. La nazione che tiene il primato in questa triste faccenda è la Svezia, che è al 17 per 1000, mentre la Danimarca è al 21, la Norvegia al 19 e la Germania è in piena decadenza demografica; dal 35 per 1000, è discesa al 20. Mancano due punti e sarà al livello della Francia.

Anche l’Inghilterra non è in condizioni brillanti. Nel 1926 il suo livello di natalità è stato il più basso d’Europa: 16,7 per 1000. Delle nazioni europee, quella che tiene la palma è la Bulgaria, coi 40 per 1000, poi vengono altre nazioni con livelli diversi, e finalmente vale la pena di occuparsi d’Italia. Il quinquennio di massima natalità fu tra il 1881 e il 1885, con 38 nati vivi su 1000; il massimo fu nel 1886, con 39. Da allora siamo andati discendendo, cioè dal 39 a 35 per 1000 siamo discesi oggi al 27. È vero che di altrettanto sono diminuite le morti; ma l’ideale sarebbe: massimo di natalità, minimo di mortalità. Molte regioni d’Italia sono già al disotto del 27 per 1000. Le regioni che stanno al disopra sono la Basilicata, ed io le tributo il mio plauso sincero, perché essa dimostra la sua virtù e la sua forza. Evidentemente la Basilicata non è ancora sufficientemente infetta da tutte le correnti perniciose della civiltà contemporanea. Vengono poi la Puglia, la Sardegna, le Marche, l’Umbria, il Lazio. Ma le regioni che si tengono sul 27 per 1000 sono l’Emilia e la Sicilia; al disotto la Lombardia, la Toscana, il Piemonte, la Liguria, le Venezie Tridentina e Giulia.

Puedes consultar el Discurso de la Ascensión completo en http://cronologia.leonardo.it

  • Gini, C. (1930), “The Italian Demographic Problem and the Fascist Policy on Population” The Journal of Political Economy 38(6): 682-697 disponible en Jstore

Dónde buscar más información:

  • Caporali, A.; Golini, A. Births and fertility in interwar Italy: Trends, images, policies and perception. Population Review 49 (2).
  • Caprotti, F. (2007), Mussolini’s cities: internal colonialism in Italy, 1930-1939. New York: Cambria Press.
  • Ipsen, C. (1996), Dictating Demography. The problem of population in Fascist Italy: Cambridge University Press.
  • Ipsen, C. (1998), “Population Policy in the Age of Fascism: Observations on Recent Literature” Population and Development Review 24(3): 579-592.

Un comentario Agrega el tuyo

Deja una respuesta

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Salir /  Cambiar )

Google photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google. Salir /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Salir /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Salir /  Cambiar )

Conectando a %s

Este sitio usa Akismet para reducir el spam. Aprende cómo se procesan los datos de tus comentarios.